Il massaggio ayurvedico della linfa: il Neerabhyangam

Da neera che, dal sancrito, significa linfa, il NEERABHYANGAM è il massaggio della linfa: il linfodrenaggio manuale ayurvedico.

Antico trattamento dalla sapiente e antica conoscenza indiana, con movimenti dolci e lenti è considerato il precursore di tutti i massaggi drenanti moderni.

La linfa deriva direttamente dal sangue ed ha una composizione ad esso molto simile, nonostante sia più ricca di globuli bianchi e poverissima di quelli rossi. Circolando negli spazi interstiziali, fra una cellula e l’altra, ha lo scopo di riassorbire il plasma presente in queste zone  rappresentando un efficace sistema attraverso cui l’organismo raccoglie liquidi e materiale di scarto dalla periferia per poi veicolarlo agli organi di depurazione.

Dobbiamo immaginare il nostro sistema linfatico come un grande filtro con la funzione di DEPURARE e RIPULIRE; a differenza del sistema cardio-vascolare che ha una sua pompa: il cuore, esso non ha propulsione. Infatti la linfa non viene spinta dall’attività cardiaca, ma scorre nei vasi mossa dall’azione dei muscoli. Quando tale azione viene meno la linfa tende a ristagnare, accumulandosi nei tessuti. Ecco spiegato come mai piedi e caviglie si gonfiano quando si rimane a lungo in una posizione statica.

Il Neerabhyangam, con manualità lente e delicate di pompaggio, stimola ed aiuta a portare la linfa verso le maggiori stazioni linfonodali, precedentemente stimolate, per essere depurata e favorisce il drenaggio dei liquidi e l’eliminazione delle tossine che ristagnano nei tessuti.
I risultati sono pressochè immediati, al giorno d’oggi questo trattamento è maggiormente conosciuto e ricercato da noi donnine per la tanto temuta ed odiata cellulite, ma il Neerabhyangam per fortuna non è solo questo!

E’ un trattamento anti kapha, adatto in gravidanza e dopo per riacquistare equilibrio, a smaltire l’effetto di anestesie post operazione o da assunzione di troppe medicine; inoltre stimola la microcircolazione sanguigna e linfatica: la pelle appare più luminosa e ringiovanita e il derma sottostante appare più compatto.
E poi non dimentichiamoci che, essendo fatti non solo di materia ma anche di energia, questo trattamento aiuta ad eliminare i blocchi e a far sì che il PRANA fluisca e circoli in tutto il nostro corpo donando appunto ENERGIA, VITALITA’ e buona SALUTE.

The following two tabs change content below.
Sono una terapista ayurvedica diplomata presso la scuola AIMA Ayurveda di Milano associata con il Center for Study and Research on Alternative Medicine New Delhi, India. Master in "ayurveda therapy" presso la clinica ayurvedica Chakrapani di Jaipur (India) dove ho approfondito i miei studi. Mi occupo di aromaterapia e autoproduzione di oli, creme ed unguenti medicati dell'antica tradizione ayurvedica e mediterranea. Sto frequentando il corso di specializzazione in Aromaterapia con Luca Fortuna per ampliare ancora di più i miei studi; il mio intento è infatti quello di unire queste tradizioni antiche per la divulgazione di un benessere consapevole. L'uso degli olii essenziali appartiene alla tradizione erboristica occidentale, ma non altera assolutamente i principi dell'Ayurveda. Essa infatti raccomanda di "curarsi con le erbe del proprio giardino", poiché la natura offre in ogni situazione i principi attivi più adatti a chi vive in quel luogo. Scrivo di ayurveda, aromaterapia e rimedi naturali sul mio blog personale con la passione che mi appartiene da sempre per la cura del corpo e dell'anima che custodisce.