La magia della tavola natalizia.. Il pungitopo.

21_pungitopo-300x204Il pungitopo, uno dei simboli tipici del Natale..Mai pensato che possa avere proprietà nascoste interessantissime vero? Bene, oltre ad ornare le nostre porte e le nostre tavole, e devo dire che lo fa in maniera egregia, specialmente in questo periodo, il pungitopo si rivela un valido alleato per la nostra salute.. Scientificamente noto come Rusco, si tratta di un cespuglio spinoso, con rami particolarmente intricati tra loro e ricchi di spine, che produce un frutto rosso, molto simile a una bacca, estremamente carino dal punto di vista ornamentale.

Ma non di questo vogliamo parlare, anzi, ma di cosa il rusco può fare per noi…

Ricchissimo di principi attivo quali: canfora, linalolo, acetolo e resine, tutti sottoforma di olii essenziali, contiene anche numerosi sali minerali come calcio e nitrato di potassio, fitosteroli, come la ruscogenina, flavonoidi e zuccheri.

Il fatto che contenga flavonoidi già ci permette di capire che è estremamente utilizzato per la microcircolazione.. Infatti rientra in moltissime formulazioni galeniche usate per combattere la cellulite, proprio sfruttando questa azione benefica sul microcircolo..

Inoltre, sempre grazie ai flavonoidi presenti, è ottimo sia per prevenire che per curare problemi quali varici o emorroidi, in quanto potentissimo vasocostrittore.

Non solo, ha proprietà diuretiche (sempre utile per noi signore che abbiamo problemini di ritenzione idrica) e spesso e volentieri viene utilizzato per problemi di calcoli renali e gotta.

E’ un sedativo per le infiammazioni, specialmente quelle delle vie urinarie, e ottimo anche per crampi e caviglie gonfie… E questi solo solo i benefici riguardanti l’uso interno. Come tutti i prodotti fitoterapici, il Rusco è acquistabile sia in capsule che in forma liquida, quindi tinture madri, estratti fluidi, ecc..

Ma non per il solo uso interno si può utilizzare, anzi… Oltre ad essere utilizzato come dicevamo prima per i problemi emorroidari, sottoforma di supposta (che proprio uso esterno al 100% non è), viene ovviamente inserito nelle formulazioni per dare sollievo alle gambe stanche e con problemi di circolazione. Sia in gel che in crema, che andranno scelti in base al tipo di pelle e all’età del consumatore (nei pazienti anziani, è sempre più opportuno usare una formulazione in crema, in quanto il gel tende normalmente a seccare la pelle, e nel loro caso dobbiamo tenere conto di una pelle molto più fragile e sensibile). Inoltre, anche se non è esattamente la stagione, è ottimo, ma davvero ottimo, in caso di eritemi solari… Magari qualcuno di voi avrà la fortuna di passare le feste al caldo… Non si sa mai….

Buone Feste a tutti!!!

The following two tabs change content below.
Farmacista per caso, la mia vera vocazione è la scrittura… Da sempre mi occupo di benessere e salute, un po’ perchè sto ancora cercando il mio nirvana, un po’ perchè credo fermamente in quel che faccio e nell’aiutare gli altri a star bene… Scrivo su riviste farmaceutiche e da poco mi sto avvicinando a canali più conosciuti. Ho appena avviato una collaborazione con Condenast per il sito Style.it, dove parlo di sesso e farmacia.. Ho un seguitissimo blog, dove parlo di tutto quello che tratta l’universo farmacia, e spesso e volentieri sono ospite a Radio Deejay in veste di “Carrie Bradshaw dell’universo farmacia”… Ma non di sola scrittura e farmacia vive la donna…

Ultimi post di Paola Piumazzi (vedi tutti)