Anguria: simbolo dell’estate

anguria_Madre Natura per fronteggiare i disagi provocati dal caldo ci aiuta donandoci frutta ricca di acqua, sali minerali e vitamine.
Il frutto che simboleggia meglio l’estate è l’anguria.

La pianta dell’anguria, il cui nome scientifico è Citrullus vulgaris, appartiene alla famiglia delle Cucurbitaceae. Sono note due varietà:
1) l’anguria classica, dalla forma ovale o sferica, buccia verde scuro con striature verde chiaro. E’ quella che conosciamo tutti, quella che comunemente vediamo al mercato.
2) l’anguria “Sugar Baby”, dalla forma rotonda e dal sapore zuccherino.

Tale frutto contiene oltre il 90% di acqua, fibre, sali minerali ( fosforo, calcio, sodio, ferro e potassio), vitamine del gruppo B, vitamina A e vitamina C.
Cio’ che conferisce il colore rosso all’anguria è il licopene, una sostanza antiossidante che contrasta l’invecchiamento cellulare e presente anche nei pomodori.

Proprio per la presenza delle suddette componenti nutrizionali, l’anguria presenta le seguenti proprietà benefiche:
1) proprietà antitumorali
2) protegge le vie respiratorie e il fegato
3) contrasta il senso di stanchezza
4) azione diuretica
5) effetto saziante MA non ingrassante.

Non so se vi è capitato di incontrare soggetti che vi dicessero di essere allergici all’anguria. Io sono un esempio di persona allergica a tale frutto e quando sostengo di non poterlo ingerire, vedo occhi che strabuzzano, espressioni stupite e mi sento dire: ” e’ impossibile!!! E’ solo acqua!”
In realtà l’anguria contiene dei salicilati naturali, sostanze utilizzate in campo farmaceutico e presenti nella comune aspirina; e soggetti allergici a tale farmaco sono, di conseguenza, poco tolleranti verso l’anguria. Quindi il mio ocnsiglio è di fare attenzione prima di ingerire tale frutto soprattutto se avete riscontrato problemi con sostanze contenenti salicilati.

Molti ritengono che l’anguria sia anche utile contro la disfunzione erettile, definita come l’ incapacità di un soggetto di sesso maschile di raggiungere e/o mantenere l’erezione, e ritengono tale frutto una panacea dei disturbi sessuali maschili.
Ma quanto c’è di vero?

L’anguria contiene la citrullina, un aminoacido “afrodisiaco” poichè dilata i vasi sanguigni e di conseguenza favorisce l’erezione.
Nell’organismo la citrullina si trasforma in arginina e stimola sia il sistema immunitario sia quello cardio-circolatorio.

Fin qui si può avvalorare la tesi di molti; ma dove si torva la citrullina?
Tale aminoacido non è contenuto nella polpa ma nella parte bianca che solitamente viene eliminata.
Ed ecco che crolla il mito dell’anguria come afrodisiaco.

Approfittiamo della frutta che Madre Natura ci dona e delle proprietà benefiche di tale frutta.

The following two tabs change content below.

Ada Di Lecce

Classe 1983. Laureata in "Scienze erboristiche" alla Facoltà di Farmacia "Federico II" nell'ottobre 2009 e successivamente in "Scienze degli alimenti e nutrizione". Nutro gran passione per il magico mondo delle erbe.