Tinture Madri: cosa sono e come usarle!

tm 2Quando parliamo di omeopatia, quale è la prima cosa che ci viene in mente? Direi i “granuli”, forma farmaceutica più usata da chi sceglie di curarsi con questa forma di medicina alternativa. Ma questi granuli da dove derivano e come si ottengono?? Le tinture madri sono proprio il punto di partenza per la produzione di granuli, globuli e tutti gli altri prodotti omeopatici.

Le tinture madri (TM) sono preparazioni di natura liquida che si ottengono grazie a processi di macerazione. La macerazione è  un processo estrattivo in cui la pianta fresca viene posta per un determinato periodo di tempo in un solvente che può essere alcoolico, etereo, vinoso, acquoso. Nel caso delle tinture madri si parte dalla pianta fresca adulta, il solvente è di tipo idroalcolico e la gradazione alcolica avrà titolo diverso in base a quanto riportato nella corrispondente monografia. La quantità in peso della droga da introdurre allo stato fresco in alcool sarà tale da determinare un rapporto 1:10 fra la quantità equivalente della droga essiccata (residuo secco) e la TM finale. Il tempo di macerazione varierà da 10 a 21 giorni in base alla parte della pianta sottoposta al processo. Ovviamente diventa essenziale il tempo balsamico cioè il momento in cui si ha la massima concentrazione di principi attivi nella pianta; sarà quello il periodo di raccolta della pianta fresca dalla quale partire!

La tintura madre sarà sia la base per ottenere il medicinale omeopatico mediante diluizioni e dinamizzazioni, sia essa stessa una preparazione da utilizzare come tale. Numerose sono le tinture madri utilizzate come fitoterapici per la cura di diversi problemi, basti pensare alla TM di Propoli per il mal di gola, la TM di Uva ursina per la cistite oppure la TM di Ribes nigrum come antiinfiammatorio.

Per quanto riguarda le modalità del loro utilizzo, si devono seguire delle regole ben precise.

Un punto essenziale è la posologia che è opportuno adattare in funzione del peso e dell’età del paziente. Nell’adulto la posologia media delle TM è di 30/50 gocce una o più volte al giorno; in generale invece è da evitare la somministrazione di preparati alcolici nei bambini di età inferiore ai 2 anni. Sopra ai 2 anni la posologia è di 10/15 gocce, per diventare 20/30 gocce nell’adolescente. Nell’anziano va adattata in funzione del metabolismo rallentato e dell’eventuale riduzione della funzionalità renale (20/30 gocce). Nella donna in gravidanza ed in allattamento va evitata la somministrazione di fitocomplessi con alcaloidi. In tutti casi poi è sempre bene ricordare la regola del 2/3 : ogni 2 parti di terapia è necessaria una parte di pausa. Per cui si potrà scegliere, soprattutto nei casi di terapie lunghe, di assumere il medicinale per 5 giorni consecutivi seguiti da 2 di pausa oppure per 20 giorni consecutivi seguiti da 10 di pausa e così via. Questa procedura permette di potenziare l’azione del rimedio!

Un altro aspetto importante riguarda quando assumere le gocce. Per avere la migliore efficacia è bene seguire il seguente schema: – AL RISVEGLIO: antiinfiammatori, diuretici, lassativi o purganti, depurativi; -LONTANO DAI PASTI: tonici generali, cardiotonici, neurotonici, epatoprotettori, sedativi della tosse; -PRIMA DEL PASTO: eupeptici, digestivi, mineralizzanti; -DOPO IL PASTO: amari, spasmolitici, antiacidi; -PRIMA DI CORICARSI. sedativi, ipnotici, antifermentativi, medicamenti attivi sul cuore e sul circolo in generale.

Seguendo queste piccole regole, le TM, possono essere un ottimo strumento terapeutico, oltre che la base per tutti i rimedi omeopatici!

The following two tabs change content below.

Cecilia Guerrieri

Sono Cecilia Guerrieri. Dopo essermi laureata in Farmacia nel 2011 all'Università di Pisa, ho iniziato ad appassionarmi all'Omeopatia non appena ho iniziato a lavorare. Mi sono così iscritta alla Scuola Di Omeopatia e Medicina Integrata ( SIOMI) che sto attualmente frequentando. Molto lieta di collaborare con tutti voi in questo sito, spero con i miei articoli di poter ogni volta suggerire dei rimedi utili per problemi quotidiani e farvi avvicinare al mondo dell'Omeopatia, campo secondo me ancora poco conosciuto da noi Farmacisti e dai pazienti.

Ultimi post di Cecilia Guerrieri (vedi tutti)