Olio d’oliva: elisir di salute

imagesCA513XJBOgni giorno lo utilizziamo per condire pietanze e preparare ricette di ogni tipo…ma conosciamo veramente le proprietà di questo favoloso alimento?

L’olio d’Oliva è un’olio alimentare estratto dalle olive, ovvero i frutti dell’olivo (Olea europaea). Alimento principe della dieta Mediterranea, è il condimento da preferire in assoluto sia crudo , sia per cucinare, e, per il suo elevato punto di fumo, (soprattutto per quanto riguarda l’olio extravergine) ne fa uno dei condimenti più adatti per le fritture. L’olio d’oliva è composto da una frazione saponificabile (trigliceridi), e da una frazione insaponificabile ( componenti minori). La frazione saponificabile costituisce il 99% dell’olio. Esiste una netta prevalenza dell’acido Oleico, monoinsaturo, una modesta quantità di Palmitico e Stearico (saturi), ed una discreta quantità di Linoleico ed Linolenico (polinsaturi). La frazione insaponificabile dell’olio d’oliva è costituito da sostanze antiossidanti, e altri componenti minori. La suddetta frazione consente di verificare la genuinità dell’olio ( assenza di frodi) e permette di tipicizzare l’olio ( cioè conoscere la provenienza delle cultivar). Di questa frazione fanno parte anche i Tocoferoli ( alfa- tocoferoli), denominati “antiossidanti” in quanto si ossidano al posto dei grassi contenuti nell’olio; il loro contenuto è di circa 180-230 mg/kg, importante elemento stabilizzante sui processi di autossidazione. Un’altra azione antiossidante viene svolta dai componenti Fenolici tra i quali l’Idrossitirosolo, l’oleoeuropeina , l’acido ferulico e l’acido caffeico.

L’Oleoeuropeina è responsabile del sapore amaro dell’olivo che riesce ad allontanare i parassiti dal frutto stesso. Tali sostanze, ossidandosi, garantiscono la conservabilità dell’olio. I Tocoferoli insieme ai Polifenoli sono indici del grado d’invecchiamento dell’olio. Altri componenti minori sono gli Steroli, tra cui il beta- sitosterolo, il quale è presente in concentrazioni elevate nell’olio di oliva, ed è una sostanza che si oppone all’assorbimento intestinale del colesterolo. Gli Steroli rappresentano l’Impronta dell’olio perchè, qualsiasi modificazione genetica venga apportata alla pianta dell’olivo, esso non cambia, quindi è un’indicatore dell’originalità delle olive con cui è stato prodotto l’olio. Inoltre sono presenti Idrocarburi tra cui lo Squalene, alcoli terpenici, di cui particolare interesse assume il Cicloartenolo la cui azione favorisce l’escrezione fecale del colesterolo per aumento dell’escrezione degli acidi biliari; in più sono presenti fosfolipidi, sostanze coloranti e aromatiche.

Uno studio Americano, pubblicato sulla rivista “Science”, dimostra come l’olio d’oliva esplichi una naturale azione analgesica grazie alla presenza di una sostanza chiamata “Oleocantale“; l’olio d’oliva ha un potere antinfiammatorio simile all’ibuprofene e più in generale ai FANS (farmaci anti-infiammatori non steroidei), normalmente utilizzati in campo medico per il loro effetto analgesico. Anche se le due molecole sono strutturalmente non simili, entrambe le sostanze producono un’irritazione della gola quando ingerite, e bloccano entrambe l’azione delle ciclossigenasi (COX). Questo enzima catalizza una delle tappe che portano alla formazione dei mediatori dell’infiammazione (prostaglandine). Una dose da 50 grammi di olio d’oliva sembrerebbe fornire il 10% dell’effetto analgesico prodotto da una dose di ibuprofene.

Inoltre sembra che, l’Oleocantale, esplicherebbe un’azione protettiva nei confronti del morbo di Alzheimer. Esso aiuterebbe a diminuire l’accumulo di beta-amiloide nel cervello, che si ritiene essere responsabile della degenerazione nervosa. La sua funzione salutistica sarebbe quella di stimolare la produzione di due proteine enzimatiche che consentirebbero di rimuovere con maggiore efficacia e rapidità il beta-amiloide dal cervello. Quindi l’olio d’oliva , grazie all’Oleocantale, ha il potere di ridurre i rischi di Alzheimer e altre malattie neurodegenerative associate alla demenza.

The following two tabs change content below.

Maria Elisa Romeo

Sono una Farmacista, in possesso di una seconda Laurea in Scienza della Nutrizione; laureata nel "2009" in Scienza della Nutrizione con 110/110 con Lode, e successivamente nel "2013" in Farmacia con 104/110; durante il mio percorso universitario ho collaborato, per quasi 2 anni , con l'Istituto di Ricerca per l' Olivicoltura di Rende (CS), come Tecnico di Laboratorio, e dove mi sono occupata di analisi chimiche sull'olio d'oliva (dall'acidità, al suo contenuto in acidi grassi, fenoli ecc..), e analisi sulla pianta dell'olivo, per lo studio sul miglioramento genetico della pianta; ho frequentato un Corso di Formazione per Assaggiatori per Analisi Sensoriale dell'olio di Oliva Vergine; per un breve periodo ho anche avuto la possibilità e il piacere di fare un tirocinio presso un laboratorio Galenico di Farmacia di Cosenza, e dove ho avuto l'ispirazione per la mia seconda tesi di laurea, sottolineando l'importanza del Farmacista Galenista, soprattutto in ambito Pediatrico; ho lavorato presso una Farmacia per quasi un' anno; spero con i miei articoli di fornire informazioni utili e interessanti...Buona lettura...