Broccoli e finocchi sulle tavole di Dicembre

broccoli e finocchioMi sarei aspettata una maggiore partecipazione da parte di voi lettori e ringrazio chi ha letto l’articolo e risposto al sondaggio. Approfondirò, come anticipato nell’articolo precedente, gli alimenti che mi avete segnalato: i broccoli e i finocchi. Broccoli e finocchi, ortaggi tipici del mese di dicembre, scopriamo insieme qualcosa in più circa questi due alimenti. I broccoli sono i fiori commestibili della pianta erbacea Brassica oleracea, appartenente alla famiglia delle Crucifere. Sono originari dell’Asia Minore, ma molto coltivati in Italia, dove esistono anche varietà locali, quali il Balia, il Futura in Sicilia, il Bianco di Verona, il Calabrese, il Romanesco. I broccoli di qualità devono soddisfare alcuni criteri visivi: la compattezza, non devono presentare infiorescenze e le foglie devono essere verdi e turgide. Dal punto di vista nutrizionale, i broccoli sono ortaggi appartenenti sia al VI sia al VII gruppo di alimenti. I gruppi di alimenti sono stati elaborati grazie alla collaborazione tra l’INRAN e la SINU e gli alimenti sono differenziati in base alla loro composizione nutrizionale. Al VI gruppo appartengono gli ortaggi e la frutta ricchi di vitamina A; al VII gruppo ortaggi e frutta ricchi di vitamina C. I broccoli, infatti, sono una preziosa fonte di vitamina A e C; inoltre, contengono sostanze, fenoliche, sulforano, clorofilla: sostanze importantissime per la loro attività anti-aging e antiossidante. Tali ortaggi contengono magnesio, fosforo, ferro e sono fonte di fibra alimentare, utile per l’aumento della sazietà, la prevenzione e la riduzione dei sintomi della stipsi e la riduzione dell’assorbimento del colesterolo. I broccoli non sono ortaggi energetici e sviluppano 20-30 Kcal per 100 grammi di alimento. Nonostante questi molteplici componenti nutrizionali, i broccoli sono esclusi dalla dieta di chi è affetto da iperuricemia (patologia caratterizzata da un’elevata presenza nel sangue di acido urico) e da gotta, poiché sono alimenti ricchi di purine. I broccoli sono benefici per contrastare la ritenzione idrica aiutando l’organismo a disintossicarsi, ad eliminare le scorie, per ridurre il rischio di cataratta e per proteggere dall’ictus. Alcuni ricercatori dell’Università della California hanno eseguito uno studio su volontari sani: ad alcuni hanno somministrato estratti di broccoli, ad altri il placebo. Dalle osservazioni è emerso che questi ortaggi hanno la capacità di mitigare le infiammazioni delle vie respiratorie superiori e la sostanza che consente ciò è il sulforano, sostanza che previene anche la proliferazione delle cellule cancerose ed esplica un’ azione protettica contro il cancro intestinale, polmonare e al seno. Per godere delle proprietà salutari dei broccoli occorre fare attenzione alla modalità di cottura. La bollitura e il microonde sono da evitare in quanto eliminano la maggior parte dei componenti nutrizionali. Il metodo di cottura consigliato anche dall’American Institute for Cancer Research è quello a vapore. A molte persone non piace l’odore dei broccoli e i bambini li detestano. Vi darò 7 ottimi motivi per consumare questo alimento: 1) sono anti-cancro, 2) riducono il colesterolo, 3) esplicano un’azione antinfiammatoria, 4) prevengono le malattie degenerative, 5) sono alimenti alcalinizzanti, 6) sono disintossicanti, 7) sono antiossidanti. Il finocchio è una pianta erbacea perenne, dall’aroma intenso e sapore piccante. E’ originario dell’Asia, ma diffuso in tutta l’area mediterranea: era noto, infatti, ai greci, agli egizi, agli arabi. La storia del finocchio inizia in Grecia, nella pianura di Maratona, località nota per la battaglia tra Ateniesi e Persiani; qui il finocchio cresceva spontaneamente ed era chiamato “marathon”. Plinio affermava che il finocchio ha una grande proprietà per la cura degli occhi, questo in relazione al fatto che i serpenti, dopo la muta, si andavano a sfregare contro una pianta di finocchio per riacquistare la vista. Questa non è la sola affinità finocchio-serpenti che ci offre la tradizione: infatti sembra che il finocchio fosse un antidoto contro il m orso di questo animale. Il finocchio è un ortaggio privo di amido e lipidi, è a basso contenuto calorico ed è ricco di acqua. Contiene, inoltre, vitamine, sali minerali e principi attivi che lo rendono utile per la gotta, l’astenia, i reumatismi, il vomito e la flatulenza. Essendo ricco di flavonoidi e fitoestrogeni, il finocchio ha un effetto equilibrante sugli ormoni femminili e può favorire la regolazione del ciclo, la secrezione lattea e prevenire il tumore al seno. E’ considerato l’ortaggio delle donne che allattano, è infatti galattogogo ossia in grado di aumentare la secrezione di latte, aiuta la digestione della mamma e del neonato. L’essenza di finocchio migliora il tono dell’umore, spesso altalenante nelle mamme. Tale ortaggio è, inoltre, utile in caso di congiuntivite e si consiglia un impacco di decotto di finocchio per lenire i fastidi. Il finocchio va acquistato quando si presenta di un bel colore bianco, con le guaine compatte e con steli recanti foglioline verdi. Deve essere conservato in frigorifero in un sacchetto di plastica bucherellato. Si può mangiare sia crudo in insalate, sia cotto condito con sale e limone. Spero con questo articolo di aver soddisfatto la curiosità di voi lettori e soprattutto quella delle lettrici che volevano saperne di più, a cui rinnovo i miei ringraziamenti. Prima di concludere desidero augurare a voi tutti e ai miei colleghi un sereno Natale e un sereno 2014.

The following two tabs change content below.

Ada Di Lecce

Classe 1983. Laureata in "Scienze erboristiche" alla Facoltà di Farmacia "Federico II" nell'ottobre 2009 e successivamente in "Scienze degli alimenti e nutrizione". Nutro gran passione per il magico mondo delle erbe.
  • Interessante la cottura dei broccoli. Io li calavo sempre nell’acqua bollente e invece scopro che la cottura ideale è a vapore. Grazie mille, articolo molto interessante!!!

    • Ada Di Lecce

      Ciao Anna, mi fa piacere che hai apprezzato l’articolo e i consigli.
      Continua a seguirci!

  • Ottimo suggerimento per quanto riguarda la cottura dei broccoli. Io ho sempre calato la verdura nell’acqua bollente. Grazie mille! ;))

  • Davvero molto interessante…brava

    • Ada Di Lecce

      Grazie Ragheb!