Come la Fitoterapia Può Combattere il Colesterolo (il Riso Rosso Fermentato)…

Riso-rosso-fermentato-benefici-620x350Cibi raffinati,  grassi animali, alimentazione squilibrata, vita sedentaria e stress possono provocare un aumento del colesterolo (LDL: Low Density Lipoproteins), Il quale in quantità eccessive può accumularsi sulle pareti delle arterie provocando le placche arteriosclerotiche (rigidità  e riduzione del calibro dell’arteria). Le (HDL: High Density Lipoproteins) hanno origine nel fegato e nel intestino tenue, sottoforma di piccole particelle ricche di proteine contenete quantità limitate di colesterolo. Esse trasportano il colesterolo dai tessuti ritornando al fegato per trasformarlo in acidi biliari e conservati nella cistifellea.

Con il termine iperlipidemia si indica una condizione caratterizzata da un  livello eccessivamente elevato di lipidi nel sangue. Questo aumento di LDL e/o di VLDL (Very Low Density Lipoproteins) è dovuto ad una predisposizione familiare associata ad un alimentazione squilibrata. Pertanto, una dieta sana ed equilibrata rappresenta il trattamento iniziale. E’ opportuno:

  • ridurre i grassi saturi presenti in una dieta, eliminando cibi fritti e grassi animali.
  • integrare la dieta con più frutta e verdura, usare l’olio extravergine di oliva a crudo, consumare legumi (fagioli,lenticchie,ceci,soia) e fibra di circa 30g/die.

Di fianco alla terapia preventiva, la fitoterapia può essere una valida alternativa alla terapia convenzionale. Voglio consigliarvi e farvi conoscere il riso rosso fermentato (un alimento comune in Cina)Una recente revisione sistematica ha evidenziato quattro studi clinici randomizzati. In tutti gli studi è stata osservata una riduzione statisticamente significativa dei livelli di colesterolo rispetto al placebo. Il riso rosso fermentato contiene monacoline, in particolare la monacolina K che inibisce la HMG CoA riduttasi e quindi la biosintesi del colesterolo nel fegato. Abbassando cosi i livelli di LDL(colesterolo cattivo).

Tuttavia, in uno studio clinico condotto a Philadelphia  su un totale di 43 soggetti adulti affetti da dislipidemie a cui è stata sospesa la statina a causa di mialgia. Sono stati suddivisi in due gruppi e sottoposti rispettivamente a un trattamento di 2,4 mg di estratto di riso rosso fermentato e pravastatina (farmaco tradizionale usato come ipocolestermizzante) 20mg 2 volte a giorno per 12 settimane; non è stata osservata nessuna differenza o miglioramento di mialgia nei due gruppi. Pertanto la cosa interessante che e’ venuta fuori che addirittura il poter ipocolestermizzante del riso rosso fermentato e’ piu forte di quello della pravastatina del 3%.

Sono disponibili in commercio preparazioni a base di riso rosso fermentato standardizzato contenente lo 0,4% di monocolina K, ma attenzione all’uso in concomitanza di tali prodotti insieme alle statine per il rischio di interazioni farmacologiche che possono essere gravi sulla salute.

Quindi, il riso rosso fermentato ci offre un valido strumento che può aiutare nei casi di intolleranza alle statine migliorando cosi le condizioni di salute dei pazienti. Perciò, oltre ad un’alimentazione corretta e attività fisica di 3 volte a settimana con l’uso di questo alimento poco conosciuto nei paesi occidentali può ridurre i livelli di colesterolo.

Bibliografia:

  • Coon, J.T., Ernst, E. (2003). Herbal medicinal products for the treatment of hypercholesterolemia: a systematic review. Perfusion16(2), 40-+.
  • Halbert SC, French B, Gordon RY, Farrar JT, Schmitz K, Morris PB, Thompson PD, Rader DJ, Becker DJ., Tolerability of red yeast rice (2,400 mg twice daily) versus pravastatin (20 mg twice daily) in patients with previous statin intolerance. Am J Cardiol. 2010 Jan 15;105(2):198-204
The following two tabs change content below.

Filomena Lettiero

nata il 1985. Sono laureata in scienze degli alimenti e nutrizione nel 2013 presso l'universita degli studi di Napoli Federico II (NA) ho svolto Tirocinio per l' ambulatorio di medicina non convezionale presso " Ospedale S.Paolo (Na) nel 2009. Spero di trasmettere le mie passioni le quali sono state arricchite dal mio percorso di studi.