Ringiovanire in cucina, con l’ Olio di oliva

Un piccolo prontuario di bellezza, per chi si affida volentieri alla saggezza di madre natura.

Non passa giorno che non si venga bersagliati da proposte commerciali che propongono rimedi innovativi per “ringiovanire di 10 anni in pochi minuti”, ma spesso ciò non si traduce in una reale efficacia dei prodotti. Inoltre in alcuni casi si sono verificati casi di allergia a sostanze aggressive, determinati dalla composizione esclusivamente sintetica dei prodotti, senza contare le questioni di ordine morale ( importanti, ormai, per una grossa fetta di utenti), in merito ai test sugli animali, che per i cosmetici industriali sono una prassi diffusa.

lady smileSappiamo tutti che la crema della giovinezza non esiste, ma nelle tradizioni antiche troviamo molte soluzioni per ottenere il massimo risultato possibile, senza dover causare squilibri collaterali. Una di queste è l’utilizzo dell’olio extravergine di oliva.

Parliamo, ovviamente, di un olio di buona qualità, spremuto a freddo, con la sua composizione inalterata che garantisce la presenza di tutte le vitamine necessarie alla rigenerazione cellulare. Il colore dell’olio extravergine può variare dal giallo intenso al verde, e l’aroma è forte.

Il primo utilizzo possibile, da provare subito per testarne l’efficacia, è come struccante: poche gocce sul batuffolo di cotone, sciolgono ed asportano tutti i residui di trucco, senza seccare la pelle (inconveniente frequente con gli struccanti industriali), ma anzi lasciando l’occhio rilassato e morbido, privo di ogni residuo sintetico che alla lunga potrebbe dare origine ad infiammazioni o allergie.

Segue a ruota, ovviamente, il suo effetto antirughe: l’olio di oliva contiene infatti vitamina A, vitamina D e soprattutto la preziosa vitamina E, un antiossidante molto potente, che contrasta l’azione dei radicali liberi, responsabili dell’invecchiamento cellulare. Se le rughe non ci sono ancora, questa è sicuramente la migliore delle prevenzioni.

Preparare una maschera è questione di pochi minuti, basta un cucchiaio di olio, diluito in altrettanta panna da cucina, oppure yogurt. Utilizzare questa miscela per massaggiare il viso per qualche minuto e poi lasciare in posa un quarto d’ora, in modo da favorire l’assorbimento. In seguito sciacquare il viso con acqua tiepida.

Gli effetti del trattamento sono visibili in tempi brevi: il viso è disteso, le rughe diminuiscono e la pelle migliora il proprio stato di salute, grazie all’azione congiunta dell’olio e dell’automassaggio.

Per il trattamento quotidiano bastano alcune gocce di olio sul cotone, da usarsi per pulire a fondo la pelle, la sera prima di andare a dormire.

Uno scrub delicato ma profondo, si ottiene miscelando un cucchiaio di olio ed un cucchiaino di farina gialla da polenta.

E chi soffre di acne? Molte persone temono che l’uso dell’olio sulla pelle acneica possa peggiorare il problema. In realtà spesso l’acne è, almeno in parte, condizionata dall’uso di cosmetici e dallo smog; in tal caso può verificarsi un primo breve peggioramento, perchè la pelle rilascia le tossine accumulate, ma successivamente si potrà apprezzare un miglioramento graduale. Mescolando l’olio con una o due gocce di olio essenziale di limone ed un cucchiaino di argilla ventilata, otterremo un effetto astringente, disinfettante e schiarente.

Infine, una piccola digressione per esaltare una delle virtù più apprezzabili dell’olio extravergine di oliva: quella di agire come antidolorifico. Nei dolori articolari di qualsiasi origine, si consiglia di massaggiare quotidianamente la zona interessata con olio extravergine di oliva caldo (non deve scottare). Gradualmente il dolore diminuirà, in alcuni casi fino a scomparire (dipende, ovviamente, dalla gravità del problema).

…E per curare giorno dopo giorno la propria bellezza e salute, senza bisogno di rimedi miracolosi, non dimentichiamoci di pensare a qualcosa di bello il più spesso possibile, camminare anche solo per pochi minuti ma farlo ogni giorno, consumare frutta e verdura freschi con regolarità, e sorridere molto: alcuni dicono che peggiori le rughe, e potrà anche essere vero, ma quelle di un sorriso sono decisamente le più belle rughe che si possano vedere.

The following two tabs change content below.

Ada Di Lecce

Classe 1983. Laureata in "Scienze erboristiche" alla Facoltà di Farmacia "Federico II" nell'ottobre 2009 e successivamente in "Scienze degli alimenti e nutrizione". Nutro gran passione per il magico mondo delle erbe.