Tempo di mare e sole: corsa alla scelta di prodotti solari

prodotti solariTutti alla ricerca della tintarella perfetta ora che l’estate è ufficialmente ,cominciata! Tanti sono i prodotti solari che il mercato ci offre, dalle creme protettive che aiutano ad evitare quei fastidiosissimi eritemi e danni alle nostre cellule, agli abbronzanti, presenti in molte formulazioni, latti, creme , spray, oli, salviette imbevute ecc..

Iniziamo dalle creme protettive che immancabilmente dobbiamo applicare dalle prime esposizioni al sole, la loro funzione, è quella di schermare dai raggi UV-A ed UV-B dannosi per il nostro organismo, grazie alla presenza nella loro composizione di filtri. Il potere filtrante della sostanza utilizzata viene valutato in base a test in vivo, su cute umana, ottenendo così l’SPF ovvero “sun protective factor” che non è altro che il rapporto tra il tempo necessario perchè insorga eritema con sostanze filtro e quello necessario senza sostanza protettiva.

Le sostanze schermanti sono principalmente di due tipi: sostanze opache ai raggi, che li riflettono, o sostanze che assorbono selettivamente i raggi, al primo gruppo appartengono i più utilizzati ossido di zinco, biossido di titanio , talco ecc. questi pigmenti bloccano tutti i raggi ,mentre, i filtri selettivi UV-B (e UV-A) sono in prevalenza composti organici, tra questi ricordiamo il PABA e i derivati (filtri UV-B), acido cinnamico e derivati (filtri UV-B), derivati del benzofenone (filtri UV-B ed UV-A), composti terpenici ( filtri UV-B), ecc.

La scelta del tipo di protezione deve essere fatta in base al fototipo di appartenenza, ottenuto sia su caratteristiche specifiche come il colorito di carnagione, occhi e capelli, sia considerando come il corpo risponde all’esposizione solare, quindi per esempio per pelli molto chiare ed estremamente sensibili al sole dove quasi sempre compaiono scottature o eritemi, la protezione dovrà essere sempre molto alta-alta anche se l’esposizione al sole dura poco, per pelli sensibili al sole in cui l’eritema si forma spesso la protezione dovrà comunque essere molto alta-alta, per pelli poco sensibili al sole in cui l’eritema compare solo dopo lunghe esposizioni,la protezione giusta sarà alta o media se l’esposizione dura poco, nel caso si trattasse di pelle resistente al sole dove la comparsa di eritema è rara allora andrebbe bene anche una protezione media-bassa.

La formula di un solare a media protezione richiederebbe almeno l’1% di titanio biossido in combinazione con filtri eusolex 2291 al 6 % ed eusolex 9020 al 3 %. E’ comunque importante ricordare, che anche con l’utilizzo di una protezione solare, è sempre meglio evitare l’esposizione dalle ore 12 alle 16.

Gli abbronzanti, invece, l’altra classe di prodotti solari, anch’essi molto richiesti, riescono a svolgere la loro funzione grazie alla presenza al loro interno di pigmenti. I pigmentanti più utilizzati sono quelli senza sole, gli “autoabbronzanti”, il loro capostipite è il diidrossiacetone e sono caratterizzate dalla presenza del gruppo chetolo. L’autoabbronzatura è il risultato di una reazione chimica tra il chetolo ed alcuni gruppi funzionali della cheratina che danno una colorazione superficiale alla pelle.

In un laboratorio galenico una preparazione magistrale ovvero su ricetta medica che potrebbe favorire l’abbronzatura è la seguente:

  • betacarotene 10 % mg 100, L-tirosina mg 150, ac.ascorbico mg 150 , con la posologia di una cps due volte al giorno ai pasti.

Molto comuni sono anche gli intensificatori di abbronzatura come la tirosina aggiunta in varie creme insieme alla lattoflavina.

Spesse volte nonostante l’utilizzo delle giusta protezione, si potrebbero verificare scottature solari , per questo tra i prodotti solari ritroviamo anche alcune creme lenitive ed idratanti dopo sole che possono contenere varie sostanze, in particolare: ossido di zinco, estratti di calendula, azulene, acido glicirrizico, aloe, alfa bisabololo, d-pantenolo o alcuni oli, in particolare l’olio di iperico, un ottima formula sarebbe quella contenente almeno il 20 % di ossido di zinco e il 10 % di olio di iperico.

La preparazione di un solare in farmacia può essere fatta solo se la farmacia è adibita anche alla preparazione di cosmetici, seguendo il regolamento UE 1223/09 con notifica sul portale europeo unico (CPNP) e redazione obbligatoria del PIF.

Quindi prima di partire per la tanto attesa vacanza estiva, ricordate di portare immancabilmente la giusta protezione solare, scelta in base al fototipo di appartenenza, una crema lenitiva ed idratante post esposizione solare, e per chi avesse maggior fretta di raggiungere un’ abbronzatura perfetta un abbronzante….a questo punto sarete pronti per la partenza, buon viaggio!

Bibliografia:

  • Chimica e Tecnica cosmetica, Sinerga di Proserpio

Sitografia:

  • www.labcare.it
  • http://www.cosmeticaitalia.it/home/it/
The following two tabs change content below.

marialuigia.cerulli

Sono nata a Nocera Inferiore (SA) il 26/08/86. Mi sono dapprima diplomata al Liceo Scientifico B.Rescigno di Roccapiemonte (SA) nel giugno 2005 con 100/100, e seguendo la mia passione per la chimica e le scienze mediche ho conseguito la Laurea in Farmacia presso l'Universita degli Studi di Salerno con 110 e lode il 28 ottobre 2010 , durante un tirocinio post laurea la titolare della farmacia avendo visto in me amore per il mio lavoro e molta voglia di imparare, mi ha indirizzata verso importanti corsi da quelli con P.Jager e M .Marcuci a Corciano che ho seguito un intero anno , a quelli di F.Bettiol a Firenze ed altri corsi presso le aziende: Farmalabor a bari, Acef a Fiorenzuola d'arda , Newphargam a Caronno pertusella. Gli argomenti trattati sono stati vari : preparazioni veterinarie, preparazioni per uso umano in capsule,compresse, creme, unguenti geli, fitoterapia e cosmetica, questi ultimi due campi sono stati quelli che mi hanno appassionata di più .Sono stata assunta prima in una farmacia di Napoli come preparatrice e poi presso la Farmacia Tenore di Siano (SA) dove tuttora lavoro . Inoltre, ho vinto nel giugno 2011 il concorso per l'ingresso alla scuola di specializzazione in farmacia ospedaliera posizionandomi al secondo posto.